Eccidio del Castellaccio. Muscatello: «Dobbiamo ricordare, consapevoli che oltre alla rabbia c’è il perdono e la pace»

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la nota del consigliere metropolitano e comunale di Arenzano Salvatore Muscatello:

Ieri sabato 10 febbraio 2018 si è svolta la commemorazione del 73° Anniversario dell’Eccidio del Castellaccio a Genova.

Quando la segreteria del Sindaco metropolitano di Genova mi ha chiamato per invitarmi a rappresentare la Città Metropolitana alla cerimonia ho dato subito la mia disponibilità. Tanti amici presenti di Genova e provincia, c’era anche la rappresentanza dell’ANPI di Arenzano con il mio amico Vittorio Torzini. Presente anche il Consigliere comunale Claudio Villa in rappresentanza del Comune di Genova; il Consigliere regionale Giovanni De Paoli in rappresentanza della Regione Liguria.

Ivano Bosco, CGIL Genova nella sua orazione commemorativa ha parlato dei lavoratori che hanno difeso gli stabilimenti genovesi durante la ritirata dei nazisti. Ha parlato anche dell’importanza del lavoro per dare dignità alle persone. Ma il punto più bello dell’orazione è stato quando ha sottolineato che è un errore abusare della parola fascismo. Le nostre istituzioni sono antifasciste e democratiche e l’antifascismo non ha un colore politico ma fa parte della nostra Costituzione scritta di proprio pugno dai nostri padri costituenti italiani citando tra tutti il liberale Alcide De Gasperi.

Affinché i nostri patrioti (Sabatino Di Nello, Alfredo Formenti, Angelo Gazzo, Pietro Pinetti,
Luigi Achille Riva, Federico Vinelli, Corradino Nuzzi e Gian Domenico Diambri) che con coraggio si sono opposti a una stupida guerra andando incontro alla morte, possano vivere nei nostri cuori e nella nostra memoria, dobbiamo ricordare l’eccidio, consapevoli che oltre alla rabbia c’è il perdono e la pace.

Coincidenza vuole che ieri fosse anche il giorno del ricordo delle vittime delle Foibe. Quasi diecimila italiani massacrati, torturati e gettati vivi e morti a strapiombo nelle cavità carsiche. Una pulizia etnica scaturita dall’odio politico-ideologico voluta da Tito durante l’occupazione della Jugoslavia di Trieste, Gorizia e Istria. Quasi diecimila italiani uccisi e l’unica loro colpa è stata quella di essere italiani non comunisti.

In una guerra civile non ci sono vinti o vincitori ma carnefici e vittime. I carnefici sono quelli che hanno voluto la guerra e le vittime sono quelli che con coraggio si sono opposti e hanno voluto la pace. Infine c’è una terza categoria, quella degli esecutori materiali e degli indifferenti, sono quelli che non hanno avuto il coraggio di opporsi; ma forse dopotutto anche loro erano delle vili vittime.

Attualissima la canzone a Sanremo 2018 di Ermal Meta e Fabrizio Moro:

Non mi avete fatto niente
Non avete ottenuto niente
Andiamo oltre alle vostre inutili guerre e al vostro stupido odio.

Al Festival di Sanremo hanno vinto il primo premio, come auspicavo, soprattutto per il testo della canzone che ha preso spunto dalla lettera di Antoine Leiris, marito di una delle vittime della strage del Bataclan di Parigi del 13 novembre 2015.

Consigliere Salvatore Muscatello
Città Metropolitana di Genova

EVENTI (vai all'agenda completa) 

09:30
Lunedì 14 gennaio alle 9,30 nella Sala Consiliare Sandro Pertini del Comune di Cogoleto, si inaugura la mostra itinerante “1938-2018 Ricordando…le leggi razziali”, alla presenza di Marina Costa, vicesindaco di Cogoleto. La mostra rimarrà aperta[...]
Sala Consiliare
14:30
Sabato 19 gennaio dalle 14,30 al Casone ex Muvita di Terralba, l’Accademia Musicale di Arenzano presenta l'”Open Day, Porte aperte all’Accademia”. Verranno presentate le attività sociali, i docenti e i programmi didattici del 2019. Nell’ambito[...]
Casone del Muvita
19:45
Sabato 19 gennaio alle 19,45 a Masone l’Associazione Noi per Voi organizza la “Serata del Pansotto“, presso il salone dell’Opera Monsignor Macciò. Il menù della serata comprende aperitivo, pansotti alla salsa di noci, pansotti burro[...]
Salone dell'Opera Monsignor Macciò
21:00
Venerdì 18 e sabato 19 gennaio, alle ore 21, presso il Teatro Il Sipario Strappato di Arenzano (via Marconi 165) andrà in scena “La collina di Spoon River e le canzoni di Fabrizio De André”.[...]
Teatro "Il Sipario Strappato"
00:00
Domenica 20 gennaio dalle 8,30 alle 18,30 in via Bocca ad Arenzano, appuntamento mensile con il Mercatino dell’Antiquariato e del Collezionismo a cura del CIV. Tra oggetti vintage, mobili d’epoca, oggetti da collezione, si potranno[...]
00:00
Domenica 20 gennaio si partirà da Sassello, insieme alla Guida del Parco, per attraversare incantate faggete e boschi di betulle e raggiungere il Monte Avzè, da dove lo sguardo potrà abbracciare lo splendido panorama sottostante[...]
10:00
Domenica 20 gennaio dalle 10 alle 12,30 il Rifugio Pratorotondo organizza “Il custode delle piccole cose”, un laboratorio per bambini dai 4 anni in su. Si potranno costruire scaffali di cartone ispirati alle forme naturali[...]
15:00
Domenica 20 gennaio alle 15 al Santuario di Gesù Bambino di Arenzano saranno premiati i vincitori di “Piccoli Artisti del Natale”, il concorso di disegno internazionale che riguarda il Natale cristiano. Grande soddisfazione per la[...]
Santuario Gesù Bambino di Praga