FOTO – Sport, Arenzano festeggia la sua Rari Nantes

A festeggiare presentandosi a bordo piscina tutti gli atleti - grandi e piccoli - di nuoto e pallanuoto, con gli allenatori, gli accompagnatori, e i dirigenti della società.

Rimarrà nella memoria degli atleti e dei dirigenti della Rari Nantes la serata di lunedì 10 luglio 2017, per la bella festa organizzata ai bagni Lido con l’obiettivo di celebrare i successi della società sportiva.

Tra le ricorrenze, i 50 anni dalla fondazione della Rari Nantes, 40 anni dall’inaugurazione della piscina di Arenzano, e un traguardo fresco fresco, ovvero la promozione in A2 della prima squadra di pallanuoto.

Tanti i traguardi della Rari Nantes, oltre alla già citata promozione. Tanto per citarne alcuni, il successo dei giovanissimi pallanuotisti all’Habawaba, e poi delle nuotatrici Maja Peirano (campionessa regionale 50 dorso assoluta), Sofia Fadda (campionati nazionali estivi di Roma), e Chiara Soffiotto (campionessa regionale 100, 200 e 400 stile libero).

Visibilmente orgogliosi i dirigenti della società sportiva, il presidente Nicola Zucca e il dirigente Michele Zucca, e poi ancora gli immancabili accompagnatori dei pallanuotisti Gianni Olzai e Baci Capurro, senza parlare della squadra promossa in A2, euforica.

I ragazzi della prima squadra, in particolare, sono stati presentati con alcune simpatiche descrizioni, eccole qui:

Alex Damonte, classe 1990, portiere e vice-capitano: il nostro portierone, fondamentale in tante occasioni durante tutto il campionato, determinante nel corso delle due finali a Como e Savona, eroico!

Simone Lottero, classe 1997, centrovasca: con la sua incredibile velocità ha spesso messo in difficoltà le squadre avversarie scardinando le difese più arcigne, imprendibile!

Simone Robello, classe 1999, difensore: ha reso la vita difficile anche ai più corpulenti ed esperti attaccanti che capitavano sotto le sue grinfie, freddo e preciso in occasione del rigore a Como nonostante la giovane età: affidabile!

Alberto Siri II, classe 1983, difensore: ha sempre fatto valere le sue doti fisiche contro tutti gli avversari, suo il gol, decisivo nella finale di Savona, roccia!

Matteo Bruzzone, classe 1998, attaccante: il suo tiro devastante insieme alla capacità di ricoprire più ruoli ha fatto di lui un elemento fondamentale per questa squadra, da ammirare il suo coraggio in occasione del secondo rigore a Como, un grande!

Walter Del Vecchio, classe 1998, attaccante: su di lui si può sempre contare, preciso, veloce, attento; tanti i palloni conquistati, i suoi gol sono determinanti nelle due finali: concreto!

Luca Rasore, classe 1999, difensore: ammirevole per serietà, impegno e costanza; un baluardo della difesa, quando è stato chiamato in causa si è sempre fatto trovare pronto, caparbio!

Paolo Piccardo, classe 1994, attaccante: un campionato da incorniciare il suo, costante nel rendimento e nell’impegno. Atleti come lui sono la fortuna di ogni allenatore, indispensabile!

Gianluca Benedetti, classe 1994, centroboa: sempre nel cuore della difesa rivale, capace di attirare le “ruvide” attenzioni dei difensori avversari a beneficio dei compagni, non si tira mai indietro e diventa un tassello fondamentale della squadra, combattente!

Alberto Siri I, classe 1982, centrovasca e capitano: capitano di mille battaglie, sempre lucido e attento, mette al servizio della squadra la sua esperienza e la sagacia tattica, anche lui a segno in entrambe le finali, è un esempio per i più giovani, giocatore vero!

Federico Utili, classe 1997, centroboa: un ruolo ingrato il suo, come Benedetti sempre a prendere botte là in mezzo… ma anche lui non si lascia intimorire e combatte come un gladiatore tutte le volte che viene chiamato, potente!

Marco Manzone, classe 1990, attaccante: la sua fama lo anticipa come succede ai campioni e gli avversari dedicano a lui marcature asfissianti, ma è tutto inutile. Il suo tiro potente e preciso fa di lui il capocannoniere della squadra, bomber!

Marco Quercini, classe 1998, portiere: fare il secondo portiere dietro un mostro come Alex è difficile, ma lui gli soffia sul collo e non lo lascia tranquillo; arriverà il suo momento e allora dimostrerà tutto il suo valore!

Diego Masio, classe 1998, attaccante: il suo mancino lo rende temibile ogniqualvolta entra in vasca e la sua rapidità lo rende un validissimo ricambio nei momenti di affanno della squadra, utile!

Michele Musiello, classe 2000, portiere: crescere alla scuola di un portiere come Alex non potrà che giovare alla sua carriera che si preannuncia luminosa, e allora forza mitico, che intanto il tuo sogno di arrivare alla serie A con la Rari Nantes Arenzano lo hai realizzato, promessa!

Andrea Degrado, allenatore: ha saputo prendere il meglio da ciascuno dei suoi ragazzi, con pazienza, competenza, carisma, anche nei momenti più difficili non ha mai perso la lucidità necessaria guidando la squadra al successo finale, condottiero!

EVENTI (vai all'agenda completa) 

10:30
Dal 18 al 24 novembre, nell’ambito della settimana nazionale “Nati per leggere“, la Biblioteca Civica “G. Mazzini” di Arenzano organizza una serie di incontri con letture per bambini da 0 a 6 anni. Si inizia[...]
Biblioteca "G. Mazzini"
16:30
Mercoledì 22 novembre dalle 16,30 alle 17,30 presso la Biblioteca Civica “E. Firpo” di Villa Nasturzio a Cogoleto, i bambini tra i 3 e i 6 anni si potranno perdere in “Un mondo di colori“,[...]
Biblioteca Civica Firpo - Villa Nasturzio
00:00
Lunedì 29 novembre in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia, in alcuni negozi Coop (tra cui Arenzano e Cogoleto) saranno in vendita le “Pigotte”, le famose bambole di stoffa dell’Unicef, questa volta realizzate[...]
00:00
Cogoleto ricorda l’illustre concittadino Cristoforo Colombo dedicando all’Ammiraglio  un programma di appuntamenti tesi a promuovere e valorizzare le radici di “Cogoleto  paese natale di Cristoforo Colombo”. Gli appuntamenti di “C’era una volta….Sì c’era Cristoforo Colombo” iniziano[...]