Musica in Pillole – Claudia Pastorino, il coraggio delle parole

Foto tratta dal profilo Facebook della cantante

“Per l’assurda paura di vivere da soli
eran tutti a caccia virtuale di qualcuno con cui stare
con la grande fiammata all’inizio di ogni storia,
e col consueto odio distruttivo nel finale
come si vivesse sempre solo per farla pagare”

È difficile ascoltare l’ultimo album di Claudia Pastorino, “Claudia”, senza ritrovarsi in pieno nelle sue parole, così come è difficile ascoltare i testi – che affrontano temi molto seri – senza lasciarsi strappare un sorriso, grazie all’ironia che permea dalle sue parole.

Claudia Pastorino è una cantautrice nata a Pegli, dove tutt’ora vive. Nel 1990 è stata la prima cantautrice femminile della Scuola Genovese dei Cantautori e da allora svolge professionalmente l’attività concertistica: oltre che in Italia, Claudia si è esibita in concerto nel corso degli anni anche in Francia, Germania, Olanda, Finlandia, Belgio. Nel 2005 ha fondato a Genova la Scuola di Cantoterapia dove svolge la sua attività didattica.

Nel suo ultimo lavoro, otto brani da lei scritti e composti con uno stile fresco e riflessivo, mai noioso, ma per apprezzare a pieno la sua musica bisogna ascoltare oltre le melodie i testi: affermazioni politicamente scorrette, parole autobiografiche, fedeli a una tradizione di canzone d’autore impegnata (come in “Le parole dentro”) che però non si vuole piegare alle logiche del successo facile, quello che passa attraverso “i santi in paradiso” come scrive in “Bisogna avere quarant’anni“:

Ho commesso molti errori, a quarant’anni lo confesso
io che non ho mai aspirato all’olimpo del successo
e non sai quanto è più difficile vivere di canzoni
senza i santi in paradiso bisogna avere i coglioni.

Ma Claudia è anche impegnata nel campo dei diritti degli animali, e proprio per loro ha scritto la delicatissima “Ponte dell’Arcobaleno“, tratta dalla leggenda che vuole che le anime degli amici a quattro zampe che ci hanno lasciati ci aspettino su un ponte al di là dell’arcobaleno:

Vivi dentro me e dammi luce
ora che danzi sul pentagramma di Dio
resta qui al sicuro nel mio amore
ci troveremo al Ponte dell’Arcobaleno.

Molto interessante anche la sua ricerca sui Ligyes, gli antichi popoli liguri, cantori combattenti, dai quali attinge quella forza necessaria a lavorare nella musica “in solitaria”.

Infine, ironica la storia di Clara Bergamino che canta nei pianobar e ai karaoke per “sopravvivere” con la musica, tragicomico destino di tanti artisti che sognano di trasformare la loro passione in professione, e cercano di stare in equilibrio tra magri compensi, incarichi svilenti e la vita che nel frattempo scorre. Ma si è liberi:

Tua madre dice “la pensione è un problema a cui pensare”, 
lo so bene che ha ragione, cosa ci vuoi fare 
se tu vuoi scrivere canzoni e nient’altro tu vuoi fare, 
hai rinunciato allo stipendio ma sei libera. 

EVENTI (vai all'agenda completa) 

10:30
Dal 18 al 24 novembre, nell’ambito della settimana nazionale “Nati per leggere“, la Biblioteca Civica “G. Mazzini” di Arenzano organizza una serie di incontri con letture per bambini da 0 a 6 anni. Si inizia[...]
Biblioteca "G. Mazzini"
16:30
Mercoledì 22 novembre dalle 16,30 alle 17,30 presso la Biblioteca Civica “E. Firpo” di Villa Nasturzio a Cogoleto, i bambini tra i 3 e i 6 anni si potranno perdere in “Un mondo di colori“,[...]
Biblioteca Civica Firpo - Villa Nasturzio
00:00
Lunedì 29 novembre in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia, in alcuni negozi Coop (tra cui Arenzano e Cogoleto) saranno in vendita le “Pigotte”, le famose bambole di stoffa dell’Unicef, questa volta realizzate[...]
00:00
Cogoleto ricorda l’illustre concittadino Cristoforo Colombo dedicando all’Ammiraglio  un programma di appuntamenti tesi a promuovere e valorizzare le radici di “Cogoleto  paese natale di Cristoforo Colombo”. Gli appuntamenti di “C’era una volta….Sì c’era Cristoforo Colombo” iniziano[...]