attentiaqueidueemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepi

Allarme: avvistate processionarie anche ad Arenzano

Anche ad Arenzano è allarme processionaria: la presenza delle larve di questo animale – notata già in diversi quartieri di Genova e in comuni del ponente ligure – è stata segnalata anche in diverse zone del paese, tra la Pineta e il parco comunale Negrotto Cambiaso.

La processionaria è un insetto altamente distruttivo per le pinete poiché le priva di parte del fogliame, compromettendone così il ciclo vitale. Inoltre, durante lo stadio larvale tale insetto presenta una peluria che risulta particolarmente urticante per vari animali, compreso l’uomo. I danni provocati dalla penetrazione dei peli nella cute umana, possono essere modesti o assumere notevole gravità. Nella pelle, dove si infiggono le setole o i loro frammenti, insorge un molestissimo eritema papuloso, fortemente pruriginoso, che può scomparire dopo qualche giorno; mentre conseguenze più gravi, si hanno quando i peli, o frammenti di essi, giungono a contatto con l’occhio, la mucosa nasale, la bocca o peggio ancora, quando penetrano nelle vie respiratorie e digestive. Proprio per questo la processionaria è molto pericolosa soprattutto per i cani.

Il pericolo è rappresentato dalla larva della processionaria, detta anche “gatta pelosa”: in età adulta, diventa un insetto simile a una falena.

In Italia dal 1998 la lotta a questo insetto è obbligatoria nelle aree ritenute a rischio infestazione (cfr. Decreto Ministeriale 17.04.1998, poi abrogato e sostituito con D.M. 30.10.2007, pubbl. in G.U. 16 febbraio 2008, n. 40.). Questo pericoloso lepidottero può essere combattuto utilizzando diversi metodi: innanzi tutto con trattamenti insetticidi diretti sulle larve all’aperto: il nido, infatti, neutralizza l’efficacia del trattamento. Per l’eliminazione delle larve morte, occorre comunque utilizzare la massima cautela; anche se il metodo migliore consiste certamente nel bruciarle, i residui carbonizzati risultano ugualmente urticanti, perciò è da evitare il rimanere sottovento o nelle vicinanze del falò, soprattutto con parti del corpo scoperte (compresi viso e occhi). 

Se il proprio cane viene a contatto con la processionaria (facilmente con la bocca, se Fido, magari per gioco, cerca di mangiarne una), la prima cosa da fare è sciacquare subito la sua bocca, operazione non semplice perché il cane sentirà dolore, dato dai peli urticanti sulla lingua. Bisognerà inoltre stare attenti e utilizzare preferibilmente guantini di gomma, dato che è alto il rischio di venire a contatto noi stessi con i peli della processionaria. Subito dopo questa operazione, è necessario contattare immediatamente un veterinario. Non bisogna indugiare perché la processionaria può fare davvero molto male al nostro cane (addirittura può portarlo alla morte).