attentiaqueidueemmepi
attentiaqueidueemmepi

Arenzano piange Giovanni Robello, storico fornaio di Arenzano: «Era un punto di riferimento»

di Valentina Bocchino

È mancato, ad Arenzano, Giovanni Robello di “Zena”, storico fornaio del paese. 

Come viene ricordato sul gruppo Facebook “Sei di Arenzano se” da Marco Mattiozzi, era appena andato in pensione dopo una vita di lavoro e sacrifici.

Ma anche di soddisfazioni: gli amici sul web, stringendosi alla sua famiglia, lo ricordano come una brava persona, un lavoratore instancabile che era riuscito a sviluppare una realtà solida, un uomo che mancherà molto al paese.

In via Trieste, dove è partita l’attività (ad oggi in centro ad Arenzano ci sono anche altri due punti vendita), tutti lo ricordano: «In questa strada ci conosciamo tutti, è una piccola comunità nella comunità – racconta Daniela che vive con la sua famiglia proprio vicino a “Zena” -. Ci è dispiaciuto veramente molto sapere della sua morte, era una persona gentile, sempre sorridente e disponibile con tutti. Quando arrivai ad Arenzano avevo 10 anni, e il forno era già lì, si può dire che Giovanni e la sua famiglia hanno tenuto compagnia a molti di noi, anche indirettamente, con i suoi ottimi prodotti. E che acquolina in bocca, la mattina, uscire di casa per andare al lavoro o a scuola, e sentire quel buonissimo profumo di pane e focaccia! Per noi Giovanni è sempre stato un punto di riferimento, adesso è come se fosse mancato un parente».

Il funerale di Giovanni si svolgerà domani sabato 17 aprile alle ore 15.00 nella Parrocchia di Arenzano.

X