attentiaqueidueemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepi

Arpal emette la prima allerta gialla valanghe: attenzione al vento forte e alle cumulate di neve

Arpal ha emesso poco fa la prima allerta valanghe in Liguria così dettagliata:

oggi domenica 22 gennaio Allerta gialla che riguarda il settore Appennino Ligure;

domani Lunedì 23 gennaio, ancora Allerta gialla che riguarderà sia il settore Appennino Ligure che quello Alpi Ligure Sud.

Alle 14 di oggi il pericolo è rilevato da debole 1 a moderato 2. Pericolo in aumento per nuove nevicate. Il problema delle valanghe consiste nella neve ventata cioè vento con neve fresca fredda, asciutta a debole coesione e nella neve vecchia, cioè strati di neve che si sovrappongono con temperature molto differenti.

Oggi nevicate da deboli a moderate con vento e neve fredda asciutta stanno interessando il sottosettore dell’Appennino Ligure nella parte orientale soprattutto nella Val d’Aveto in provincia di Genova. Nonostante le cumulate al suolo non siano così rilevanti, il forte vento in quota sta ridistribuendo la neve al suolo ma la scarsa visibilità rende difficile l’individuazione di eventuali accumuli o cornici di neve.

Nel sottosettore Alpi Liguri Sud, la copertura nevosa, presente al di sopra dei 1700 m, rimane limitata ai comprensori montani M. Saccarello – N. Frontè e M. Grai in provincia di Imperia, dove il persistere di temperature rigide sta favorendo il metamorfismo costruttivo dei cristalli verso forme più angolari e a calice. Le previste precipitazioni nevose per la giornata di domani su tutto il settore, associate alla presenza di vento in quota, continueranno la ridistribuzione della neve recente asciutta e a debole coesione.

In caso di attività in ambiente innevato prestare quindi attenzione alla presenza di eventuali accumuli di neve o cornici nelle tipiche localizzazioni quali cambi di pendenza, canaloni, zone sottovento e creste. Prestare anche attenzione all’effetto windchill per l’azione combinata del vento con le basse temperature ed ai possibili tratti ghiacciati da affrontare con i ramponi.
A seguito del vento forte previsto sono quindi da evitare le zone di accumulo, conche, canaloni, cambi di pendenza e pendii sotto vento in genere.

L’allerta valanghe viene emessa da Arpal sulla base dei livelli di pericolo previsti nel Bollettino Neve Valanghe redatto dal Centro Settore Meteomont del Comando Regione Carabinieri Forestale Liguria.