Scorri verso il basso per leggere

attentiaqueidueemmepiemmepi gaggero

attentiaqueidueemmepiemmepigaggero

Cogoleto, Stefania Rotundo new entry in consiglio comunale: a lei il posto di Biamonti

Mercoledì 1 settembre si è tenuto il primo consiglio comunale di Cogoleto dopo i fatti che hanno portato – nella giornata dello scorso Ferragosto – alle dimissioni di Francesco Biamonti

Al posto di Biamonti in consiglio comunale sarebbe dovuto entrare Giuseppe Casarino, primo degli esclusi della lista di centrodestra. Ma, come ha svelato ieri sera il sindaco Paolo Bruzzone, Casarino ha presentato una nota con la rinuncia alla copertura della carica di consigliere.

Dopo Casarino, seguendo l’ordine delle preferenze, Stefania Rotundo. Rotundo un anno fa aveva conseguito 74 preferenze, esattamente come anche Mariateresa Mosca. A questo punto, in caso di parità, occorre guardare il numero di iscrizione in lista: Rotundo era terza nella lista “Mauro Siri per Cogoleto”, e Mosca quarta. Di conseguenza, Rotundo ha avuto la priorità. Stefania Rotundo ha accettato la carica, e ha dunque preso posto ieri sera in consiglio comunale, accolta dall’applauso dei presenti.

Cambiano però gli equilibri nel gruppo, perché Biamonti era anche capogruppo: quella carica, è stato deciso dal gruppo stesso, andrà all’ex candidato sindaco Mauro Siri. 

Stefania Rotundo, dalle informazioni divulgate sul volantino di presentazione dei candidati, è nata e cresciuta a Cogoleto, in una famiglia di artigiani edili di Verzino che scelse come nuova residenza questo paese perché offriva molte opportunità di lavoro. Rotundo iniziò a lavorare nell’azienda del padre, occupandosi di contabilità. In seguito è diventata mamma di Giada, Paolo e Viola, e ha trovato occupazione in una catena di autogrill dove tutt’oggi lavora. Interpellata per fare parte della lista di Siri, aveva accettato «convinta che alcuni problemi di un Comune siano più interpretabili e affrontabili dal genere femminile. Mi riferisco ai problemi delle famiglie, dei giovani, degli anziani e di chi non è autosufficiente. Inoltre la mia esperienza mi ha portato a conoscere il mondo del commercio e delle imprese, per cui penso, dato il mio carattere, di essere utile, in un gruppo di lavoro, a dare una mano al nostro amato Cogoleto».

X