attentiaqueidueemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepi

“Uccidiamo il re”: una fotografia della società nello stile della commedia all’italiana al Sipario Strappato

Sabato 6 aprile alle 21, al teatro Il Sipario Strappato di Arenzano (via Marconi 165) si parla di scontri generazionali con “Uccidiamo il re”, finalista al festival Inventaria 2023, con Alessandro Cosentini e Massimiliano Aceti (regista e autore).

È la storia di due fratelli, Gabriele e Lorenzo, che si ritrovano nella casa del padre anziano, facoltoso imprenditore edile. Uno è andato via di casa da giovane, tagliando i ponti con il padre. L’altro ha deciso di rimanere al fianco dell’imprenditore, ma viene costantemente trattato come un incapace.

I due fratelli si lanciano accuse e recriminazioni, ma su una cosa sono d’accordo: con il suo controllo, la ferocia, i maltrattamenti fisici, il padre ha reso la loro vita “agiata” un vero inferno di sensi di colpa e inadeguatezza. Gabriele e Lorenzo dopo dieci anni di silenzio prendono una decisione: accelerare il destino inesorabile del vecchio e gestire finalmente l’impresa.

I due fratelli avvelenano quotidianamente il padre con piccole dosi di cicuta e prendono presto le redini della società. Ma non passa molto tempo prima di rendersi conto che non sono capaci di gestire tutti gli impegni e le grandi responsabilità che il lavoro richiede.

Sono disperati. Cercano di rimettere in forze il padre ma ormai è troppo tardi: il veleno e la vecchiaia lo trascinano sempre più in basso. I due fratelli dovranno così affrontare da soli le responsabilità della vita, senza un passaggio di consegne. Soli. Una fotografia della società, tra ottantenni che si credono immortali e che continuano a comandare, e giovani cresciuti nel benessere che recriminano ma che non hanno coraggio.

“Lo stile dello spettacolo – dice il regista Massimiliano Aceti – ricorda i vecchi film della commedia all’Italiana, in particolare lo stile di Monicelli (“Parenti serpenti” e “Un borghese piccolo piccolo”), dove la comicità si contamina con la tragedia e con la bassezza dell’animo umano. Il testo prende spunto da una storia vera, romanzata e spinta all’eccesso, ed è un grido di protesta contro i nostri padri che continuano a voler restare ‘classe dirigente’ e rendono precari i nostri sogni e il nostro futuro. La messa in scena è esplosiva, i ritmi serrati sono intervallati da flash back della vita passata dei due protagonisti. Un viaggio doloroso e meraviglioso”.

Il biglietto costa 15 euro, ridotto 12 euro. Sono studiati abbonamenti per pacchetti da 20, 10 o 5 spettacoli.

Info e prenotazioni: 3396539121

The event is finished.

Data

6 Aprile 2024
Expired!

Ora

21:00 - 23:00