FOTO & VIDEO – Anche da Arenzano e Cogoleto ristoratori alla manifestazione di Genova

Circa mille persone – di cui molte anche da Arenzano e Cogoleto – hanno partecipato oggi a Genova alla manifestazione dei ristoratori contro le restrizioni imposte dalla zona arancione in Liguria. Il corteo, partito alle 15 da via Roma, si è spostato poi in piazza Corvetto, sulla Sopraelevata, e alla Foce.

La Liguria è passata in zona arancione venerdì pomeriggio, e i ristoranti hanno di nuovo dovuto abbassare le serrande proprio a partire da domenica 14 febbraio. Peccato che fosse anche San Valentino, e che molte coppiette avevano prenotato nei ristoranti per pranzare insieme, un po’ per romanticismo, ma un po’ anche per sostenere una categoria in forte difficoltà. Dal canto loro, i ristoratori, convinti di avere un po’ di respiro, avevano preparato speciali menu per invogliare i cittadini a uscire a mangiare fuori. 

E invece nulla, perché la nostra regione è passata in zona arancione e i ristoratori hanno saputo, con meno di 48 ore di preavviso, che il 14 febbraio avrebbero dovuto chiudere, contrariamente a quanto previsto. Una doccia fredda, l’ennesima, e così i lavoratori del settore hanno deciso di scendere in piazza.

Sabato era arrivato l’appello del presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, ma anche del sindaco di Arenzano Luigi Gambino, dell’assessore arenzanese Davide Oliveri e anche dell’ex consigliere comunale Paolo Cenedesi, per invitare il neonato governo Draghi a posticipare di un giorno l’entrata in zona arancione, salvando almeno San Valentino.

X