Scorri verso il basso per leggere

attentiaqueidueemmepiemmepi gaggero

attentiaqueidueemmepiemmepigaggero

DOVE LO BUTTO? I RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche)

Torna lo speciale di Cronache Ponentine dedicato alla raccolta differenziata, con le indicazioni per effettuarla al meglio, spiegando cosa buttare e dove.

Questa puntata, in collaborazione con il Comune di Arenzano e Ar.A.L., è dedicata ai RAEE.

COSA SONO I RAEE

I Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, detti RAEE, sono rifiuti pericolosi che consistono in qualunque apparecchiatura elettrica o elettronica che per funzionare abbia bisogno di una presa elettrica o di batterie. 

Sono costituiti da materiali preziosi (rame, oro, piombo, mercurio ecc.) che possono essere recuperati, ma possono contenere anche sostanze pericolose per l’ambiente; è necessario perciò differenziarli correttamente da tutte le altre tipologie di rifiuto.

Vengono classificati in 5 categorie:

  • R1 – Freddo e clima (es. frigoriferi e condizionatori apparecchi per il condizionamento
  • R2 – Grandi bianchi (es. lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, cucine economiche)
  • R3 – TV e monitor (televisori, monitor di computer)
  • R4 – Informatica, elettronica di consumo e piccoli elettrodomestici (es. aspirapolvere, macchine per cucire, ferri da stiro, friggitrici, frullatori, computer (unità centrale, mouse, tastiera), stampanti, fax, telefoni cellulari, videoregistratori, apparecchi radio, plafoniere)
  • R5 – Sorgenti luminose (es. neon, lampade a basso consumo – N.B. le vecchie lampadine a incandescenza non sono RAEE e vanno gettate nei rifiuti indifferenziati)

UNA SCELTA ECOLOGICA & ECONOMICA

Quando parliamo di differenziare i RAEE, parliamo di destinare a nuova vita rifiuti che – se abbandonati – impiegherebbero migliaia di anni per essere smaltiti dall’ambiente.

Cosa succede se non si differenzia correttamente e se si inseriscono RAEE nei cassonetti? Il rifiuto potrebbe non essere adeguato per l’avvio al recupero o al riciclo, pertanto può essere rifiutato dagli impianti che lo ritirano. Ciò comporta maggiori costi di gestione, tra cui il trasporto e lo smaltimento in discarica tramite incenerimento, opzione decisamente non ecologica né economica.

QUALCHE TRUCCO

Ecco qualche utile informazione che forse non tutti conoscono:

  • I RAEE vanno portati all’isola ecologica di Ar.A.L. in via Pian Masino
  • I RAEE di piccolissime dimensioni (dimensione inferiore a 25 cm) tuttavia possono essere ritirati gratuitamente dai distributori di questi prodotti in base al decreto 31 maggio 2016 n. 121. Si parla in questo caso di punti vendita di dimensioni maggiori ai 400 mq. Per le altre attività, la raccolta è facoltativa. Sono esclusi dall’ambito di applicazione del decreto i RAEE professionali.

DOVE LO BUTTO?

Ecco alcune tipologie di RAEE che devono essere portati all’isola ecologica di Ar.A.L.:

  • Condizionatori
  • Computer
  • Congelatori
  • Piccoli elettrodomestici
  • Fili elettrici
  • Frigoriferi
  • Lampadari
  • Lavastoviglie
  • Lavatrici
  • Monitor
  • Telefonini/telefoni
  • TV

A questo link è disponibile il volantino di Ar.A.L. con i consigli per differenziare correttamente.

Per info: www.aralambiente.it

 

X