FOTO – Inaugurata la palestra outdoor di Arenzano: «È l’inizio di un percorso più ampio»

È stata inaugurata in mattinata la nuova palestra outdoor di Arenzano, uno spazio sul lungomare De André in cui tutti si potranno allenare gratuitamente: e di sportivi sulla passeggiata ne passano tanti, chi per fare jogging e chi per un giro in bici, e infatti subito dopo l’inaugurazione qualcuno ne ha subito approfittato per un paio di trazioni appendendosi alle sbarre. 

Scorri in basso per vedere le foto

L’idea non è nuova, se ne parlava già quando l’assessorato allo Sport era guidato da Matteo Rossi, e le pressioni per la definitiva realizzazione – sfruttando il momento in cui è impossibile andare in palestra – sono arrivate dalla Consulta dei Giovani Arenzanesi. Durante l’ultima festa, i ragazzi avevano condiviso le proprie idee per cercare di capire su quale obiettivo puntare, e quale progetto portare avanti: così si è ricominciato a parlare della palestra outdoor, e la Consulta ha stimolato in questi mesi l’amministrazione affinché portasse a compimento l’opera.

«Anche i piccoli investimenti possono dare grandi frutti – ha spiegato il sindaco Luigi Gambino -. Grazie all’impegno, alla tenacia e agli stimoli della rappresentanza più giovane del consiglio e della giunta, e alle proposte della Consulta Giovanile, anche Arenzano ha la sua palestra outdoor. Non faccio certo il passo più lungo della gamba se scrivo che questo sarà l’inizio di un progetto più ampio che, in sinergia con l’amministrazione di Cogoleto, prevederà nuove istallazioni che renderanno la ciclopedonale della Riviera del Beigua sempre più attrattiva e dotata di servizi».

Dunque non ci si ferma qui, è stato spiegato durante l’inaugurazione a cui hanno preso parte Gambino, l’assessore allo Sport Davide Oliveri, il presidente della Consulta Giovanile Agostino Calcagno e i giovani consiglieri comunali Gabriele Teschioni e Andrea Bevilacqua: «L’obiettivo – ha detto Oliveri – è creare un vero e proprio percorso per gli sportivi, realizzato in un punto che conta moltissime persone che, soprattutto la mattina e al tramonto, vengono ad allenarsi qui».

Panche, anelli, sbarre per le trazioni, parallele, e altri attrezzi permettono la presenza di almeno 10 sportivi contemporaneamente, quando si potrà: adesso, con il covid e il relativo distanziamento, bisognerà essere più prudenti, ma la struttura garantisce tutto il necessario per allenarsi in autonomia… anche e soprattutto ai tempi del coronavirus, in cui stare all’aperto è consigliato, e con le palestre chiuse sono molte le persone che sentono la necessità di un luogo in cui poter comunque praticare sport.

È stata inaugurata in mattinata la nuova palestra outdoor di Arenzano, uno spazio sul lungomare De André in cui tutti si potranno allenare gratuitamente: e di sportivi sulla passeggiata ne passano tanti, chi per fare jogging e chi per un giro in bici, e infatti subito dopo l’inaugurazione qualcuno ne ha subito approfittato per un paio di trazioni appendendosi alle sbarre. 

Scorri in basso per vedere le foto

L’idea non è nuova, se ne parlava già quando l’assessorato allo Sport era guidato da Matteo Rossi, e le pressioni per la definitiva realizzazione – sfruttando il momento in cui è impossibile andare in palestra – sono arrivate dalla Consulta dei Giovani Arenzanesi. Durante l’ultima festa, i ragazzi avevano condiviso le proprie idee per cercare di capire su quale obiettivo puntare, e quale progetto portare avanti: così si è ricominciato a parlare della palestra outdoor, e la Consulta ha stimolato in questi mesi l’amministrazione affinché portasse a compimento l’opera.

«Anche i piccoli investimenti possono dare grandi frutti – ha spiegato il sindaco Luigi Gambino -. Grazie all’impegno, alla tenacia e agli stimoli della rappresentanza più giovane del consiglio e della giunta, e alle proposte della Consulta Giovanile, anche Arenzano ha la sua palestra outdoor. Non faccio certo il passo più lungo della gamba se scrivo che questo sarà l’inizio di un progetto più ampio che, in sinergia con l’amministrazione di Cogoleto, prevederà nuove istallazioni che renderanno la ciclopedonale della Riviera del Beigua sempre più attrattiva e dotata di servizi».

Dunque non ci si ferma qui, è stato spiegato durante l’inaugurazione a cui hanno preso parte Gambino, l’assessore allo Sport Davide Oliveri, il presidente della Consulta Giovanile Agostino Calcagno e i giovani consiglieri comunali Gabriele Teschioni e Andrea Bevilacqua: «L’obiettivo – ha detto Oliveri – è creare un vero e proprio percorso per gli sportivi, realizzato in un punto che conta moltissime persone che, soprattutto la mattina e al tramonto, vengono ad allenarsi qui».

Panche, anelli, sbarre per le trazioni, parallele, e altri attrezzi permettono la presenza di almeno 10 sportivi contemporaneamente, quando si potrà: adesso, con il covid e il relativo distanziamento, bisognerà essere più prudenti, ma la struttura garantisce tutto il necessario per allenarsi in autonomia… anche e soprattutto ai tempi del coronavirus, in cui stare all’aperto è consigliato, e con le palestre chiuse sono molte le persone che sentono la necessità di un luogo in cui poter comunque praticare sport.

X