attentiaqueidueemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepi

Sabato 18 Agosto – Paolo Bonfanti in concerto

Let the people boogie! Con questo motto, Paolo Bonfanti porta la sua musica in giro per l’Italia. Sabato 18 Agosto sarà in tournée ad Arenzano, all’arena spettacoli. Il suo concerto inizierà alle 21,30 e l’ingresso è a pagamento a 7 euro.

Genovese, classe 1960, il cantautore ha iniziato a suonare la chitarra nel 1975 con alle spalle studi di teoria musicale, armonia e pianoforte. Nei primi anni ’80 si è perfezionato con Armando Corsi e Beppe Gambetta. Nell’estate 1986 ha seguito un corso al Berklee College of Music di Boston. È laureato al D.A.M.S. di Bologna con una tesi sul Blues.

Dal 1985 al 1990 è stato il front man di uno dei gruppi più importanti della scena rock-blues italiana, Big Fat Mama, con cui ha inciso tre LPs (l’ultimo un doppio dal vivo), ha suonato nei principali clubs della penisola e nelle più importanti manifestazioni musicali.
Con alcune leggende del British Blues, come il saxofonista Dick Heckstall-Smith (Colosseum, Alexis Korner, John Mayall), il batterista Mickey Waller (Jeff Beck, Ron Wood, Rod Stewart) ed il bassista Bob Brunning (Savoy Brown) ha formato il gruppo Downtown con il quale si è esibito in Italia ed all’estero.

Dal 1992 ad oggi ha pubblicato 7 cd (“On My Backdoor, Someday” è il primo) e partecipato come ospite in molti altri (Fabio Treves, Red Wine, YoYo Mundi, La Rosa Tatuata, etc.)

Dal 2002 la band ha accompagnato regolarmente Roy Rogers, produttore di John Lee Hooker nei suoi tour italiani.

Dal 2003 è membro della super-band Slow Feet, insieme con Reinhold Kohl, fotografo/bassista bolzanino, ed alcuni grandi del rock italiano come Franz di Cioccio, Lucio Fabbri (PFM) e Vittorio de Scalzi (New Trolls).

Nel 2011 pubblica “Takin’ a Break”, un ritorno alla lingua inglese per questo lavoro profondamente radicato nella tradizione musicale U.S.A.: blues, folk, rock e canzone d’autore in tantissime sfumature. Del 2011 è anche “Purple House”, dopo Jono Manson un’altra collaborazione con un artista americano, David James, bassista/cantante dei Fish Heads & Rice, all’insegna del rhythm & blues e del soul.