attentiaqueidueemmepiemmepiemmepigaggero
attentiaqueidueemmepiemmepiemmepigaggero

Venerdì 21 Agosto – Tornano i Buio Pesto ad Arenzano

Tornano i Buio Pesto ad Arenzano: l’appuntamento per tutti i fan del gruppo genovese è venerdì 21 agosto in Piazza Calasetta alle ore 21.30.

I Buio Pesto nel pallone

E’ dedicato al mondo del calcio il “Ballon Tour” che parte il 21 giugno da Loano e si concluderà a settembre a Genova. I Buio Pesto festeggiano i 20 anni di attività in dialetto ligure e l’ingresso nella classifica italiana dei singoli con 40 concerti estivi, una penna USB con tutte le loro canzoni e un finale clamoroso: un record del mondo. E’ “Ballon”, una delle canzoni di maggior successo del CD “Buio Pesto”, uscito nel 2014, a dare il titolo al tour 2015 che porterà la scatenata goliardia della band in 40 località della Liguria (e non solo) con altrettanti concerti.

I Buio Pesto si sono avvicinati molto in questi anni al mondo del calcio, soprattutto quello giocato per “beneficenza”, grazie all’ingresso ufficiale di Massimo Morini nella Nazionale Italiana Cantanti, con la quale il frontman dei Buio Pesto ha già collezionato 4 presenze (rigorosamente in panchina, eccetto ben 8 minuti determinanti nella partita benefica di Chiavari del 12 aprile scorso…!). “Ballon” (che in dialetto “zeneize” vuol dire sia “pallone” che “gioco del calcio”) racconta il mondo del calcio con la consueta ironia che caratterizza i testi della band di Bogliasco: ma è mai possibile – ci si chiede – che ci sia una partita di pallone in televisione ogni giorno, ad ogni ora? La canzone è disseminata di citazioni musicali tratte da altri brani celebri, tra cui “La partita di pallone” di Rita Pavone, “E la vita, la vita” di Cochi e Renato e la sigla dei Mondiali di Argentina di Ennio Morricone. Con tanto di citazione delle squadre di calcio liguri che militano nelle serie più importanti, fischio iniziale e triplice fischio finale.

Questo è un anno importante per i Buio Pesto, che festeggiano 20 anni di attività in dialetto ligure (Belinlandia, il loro primo album in dialetto, uscì il 10 giugno 1995), ma anche l’ingresso, per la prima volta, nella classifica italiana di vendite digitali di musica leggera di iTunes, con il brano “Io e Te”. Pubblicato da Rusty Records e distribuito da Believe Digital, il brano ha conquistato la 25° posizione, 15° assoluti tra gli italiani. La band a settembre si propone di battere il record mondiale per la canzone più lunga del mondo con un brano che durerà due ore (il brano che attualmente detiene il titolo dura un’ora e trenta minuti). L’iscrizione ufficiale al “Guinness World Records” è già stata accettata e verrà organizzata una manifestazione pubblica a Genova per la consegna dell’attestato, una volta battuto il record.

Il Tour

Il logo del tour, che caratterizza tutta la comunicazione – dall’imponente scenografia fino a magliette e gadget di ogni genere – sarà dominata dal grande Pallone VerdeNero, mostrato da Morini durante la “Partita del Cuore”. I colori sono da alcuni anni i colori sociali dei Buio Pesto: verde come il pesto e nero come il buio. VerdeNeri vengono chiamati anche tutti i sostenitori che effettuano una donazione annua per il progetto benefico “Ambulanza Verde”. Due i concerti benefici di fine tour: uno a Genova e l’altro ad Imperia. Entrambi vedranno la presenza di un’ospite di importanza nazionale: date, posti ed ospiti verranno ufficializzati entro la metà di luglio. Alcuni concerti sono ancora da confermare o in attesa di data, e il calendario, già disponibile sul sito www.buiopesto.ge, verrà aggiornato in tempo reale nel corso del tour. Per la prima volta il tour dei Buio Pesto verrà differenziato in “concerti” e “grandi concerti”. I primi, che saranno la maggior parte, saranno tenuti dalla formazione sostanziale dei Buio Pesto (composta da 6 elementi) e le canzoni verranno eseguite dai cantanti dal vivo ma sulle basi registrate, mentre i “grandi concerti” saranno tenuti dai 9 membri della band, cioè inclusi anche i musicisti e si terranno a Loano, Genova Cornigliano, Ovada, Isola del Cantone, Camporosso, Lavagna ed Imperia.

Scopo della differenziazione è quello di offrire uno spettacolo meno costoso per i piccoli comuni, costretti a rinunciare da troppi anni ai concerti dei Buio Pesto per questioni economiche. Importante sottolineare che la scaletta dello spettacolo – inclusi i filmati e i “fuori programma” – sarà identica per i due concerti.

Il 2015 vede il ritiro dalle scene di tre storici componenti dei Buio Pesto: Danilo Straulino (batterista e fondatore), Davide Ageno (chitarrista e fondatore) e Maurizio Borzone (violinista). Le motivazioni del ritiro, diverse per ognuno, sono di natura personale e non di carattere professionale. Al loro posto nei “grandi concerti” tre nuovi musicisti: Claudio Biggio alla batteria, Luca Dondero alle tastiere (entrambi già sostituti dei titolari in esibizioni passate) e Luca Storace alla chitarra. Due i videoclip realizzati, i quali verranno lanciati in concomitanza con l’inizio del tour, entrambi realizzati da Alberto “Triba” Cassinari per la LAV (Liguria Audio Video).

1) Ballon. Il videoclip è stato girato in più occasioni: durante la partita della Nazionale Italiana Cantanti del 12 aprile a Chiavari, durante la “Partita del Cuore” giocata il 2 giugno allo Juventus Stadium di Torino e allo Stadio Carlini di Genova e, come di consueto, vede come comparse centinaia di iscritti all’efficientissimo “Fans Club” dei Buio Pesto. Tantissimi i VIP della Nazionale che hanno accettato di partecipare a questo video, i cui proventi verranno devoluti al progetto “Ambulanza Verde”: il mister Sandro Giacobbe, Max Gazzè, Paolo Belli, i Perturbazione, il rapper genovese Moreno, Enrico Ruggeri, Luca Barbarossa, Antonio Maggio, Marco Masini, Luca Argentero, Neri Marcorè e il presentatore Amadeus.

2) Sabbo Seia. Il videoclip è stato interamente girato al Covo di Nord-Est di Santa Margherita Ligure e vede i Buio Pesto alle prese con una scatenata serata nella celebre discoteca. Anch’essa estratta dal CD “Buio Pesto” del 2014, Sabbo Seia è una canzone che inneggia al divertimento puro: non c’è bisogno di ubriacarsi o di fare uso di strane sostanze per divertirsi al sabato sera. Bastano gli amici, la voglia di divertirsi e di… corteggiare! Cover del successo americano “Good Time” degli Owl City feat. Carly Rae Jepsen.

Il Concerto

In programma le canzoni più apprezzate dell’album “Buio Pesto”, oltre ad alcuni “storici” successi del gruppo. Alle canzoni si alterneranno altri divertenti filmati e le gag improvvisate caratteristiche dei Buio Pesto. Ad animare ulteriormente l’atmosfera, il concorso Esprimi un Desideuro premierà i vincitori di una “lotteria istantanea” al costo di un euro con la possibilità di vedere immediatamente eseguito un proprio desiderio da parte dei componenti della band (e di vincere un cospicuo buono sconto per una vacanza da parte dell’agenzia di viaggi Mielanda di Genova). Tra tutti i biglietti venduti, al termine del tour verrà estratto un numero: il fortunato possessore del biglietto corrispondente vincerà un gioiello appositamente disegnato da Elisabetta Comotto dell’omonimo laboratorio orafo di Genova. L’azienda di allestimento di ambulanze ”Orion” di Calenzano (FI), donerà ad una pubblica assistenza locale, ad ogni concerto, un buono sconto per l’allestimento di un automezzo di soccorso.

Le canzoni nuove, nonostante non vi sia un nuovo CD pubblicato (previsto per il 2016) saranno ben cinque: l’inedito “A canson di travaggi”, brano dedicato alle diverse professioni; la cover della nota canzone dance degli anni 80 “No Controles” degli Olè Olè che tratta l’argomento dell’eterna rivalità tra donne; due canzoni cantate da “Ohi Me Mì” nuovo bizzarro personaggio per bambini inventato dai Buio Pesto ed infine un imperdibile medley dei Queen, che racconta la giornata-tipo di un disoccupato in cerca di lavoro, sulle note delle canzoni più celebri dello storico gruppo britannico: da “We will rock you” a “The show must go on”, “We are the champions” e “Somebody to love”. Due i presentatori ufficiali del tour, autori anche delle innumerevoli interviste esclusive che verranno proiettate sul maxi-schermo e che intretterranno il pubblico tra una canzone e l’altra: Gianni Rossi di Diano Marina (già presente da due stagioni, noto conduttore del Red Carpet del Festival di Sanremo) e la nuova entrata Roberta Capelli di Sanremo.

Ambulanza Verde

Come sempre parte dei proventi e le donazioni saranno devoluti al progetto “Ambulanza Verde”, che prevede la raccolta di fondi attraverso le vendite dei CD, la realizzazione di film e di spettacoli musicali, al fine di acquistare mezzi di soccorso o attrezzature mediche da donare alle Pubbliche Assistenze della Liguria. Con questo tour le donazioni effettuate salgono a 8. Ogni dono viene contrassegnato da una frase in dialetto, firmata Buio Pesto.

X