Anpi: «Giusto assegnare a Liliana Segre la cittadinanza onoraria di Arenzano»

Liliana Segre insieme al Presidente della Repubblica Mattarella

L’annuncio del sindaco Luigi Gambino di voler assegnare alla senatrice a vita Liliana Segre la cittadinanza onoraria di Arenzano non è passato inosservato: a esprimere piena soddisfazione è la sezione locale dell’Anpi, presieduta da Orazio Lo Crasto.

«Con questa decisione – ribadisce Lo Crasto in una lettera – si afferma in modo chiaro e inequivocabile che Arenzano si oppone ad ogni forma di razzismo, di  xenofobia, di odio, e di violenza. È un concreto atto che si ispira all’articolo 3 della Costituzione e che allontana ogni possibile legittimazione o connivenza con forme antidemocratiche del confronto politico e sociale».

Se l’atto otterrà il nulla osta del consiglio comunale, verrà coinvolto attivamente anche il CCR: «Ai ragazzi – conclude il presidente della sezione Anpi “16 Giugno 1944” – dobbiamo trasmettere segnali positivi che allontanino le culture dell’odio e della divisione. Infine auspico che tale provvedimento sia approvato all’unanimità dal nostro Consiglio Comunale».