Scorri in basso per leggere l'articolo

Comunicato stampa – Matteo Rossi sulla Cardiologia Riabilitativa de “La Colletta”

La Cardiologia Riabilitativa della Colletta, dopo aver vissuto un momento di incertezza e confusione tra il personale e i degenti, oggi può ritenersi soddisfatta del nuovo indirizzo riorganizzativo messo in atto.

In Liguria ci sono 3 strutture di riabilitazione cardiologica (dopo che la riabilitazione pubblica presso l’ospedale di Rapallo che aveva 20 posti letto è stata convertita recentemente in posti per acuti) e sono, oltreché quella della Colletta, la riabilitazione pubblica presso l’Ospedale di Sarzana con 7 posti letto e l’ISC di Camogli con 20 posti letto in convenzione in quanto struttura privata accreditata.

La Cardiologia Riabilitativa della Colletta, riferimento scientifico e culturale a livello nazionale, è la più grande della Liguria con 28 posti letto.

Il Capogruppo in regione di Sinistra Ecologia e Libertà Matteo Rossi, ha – il 25 novembre 2011, con un’interrogazione all’Assessore Montaldo – iniziato una battaglia a difesa della Cardiologia Riabilitativa della Colletta scongiurando che potesse essere ridimensionata in un futuro piano di ottimizzazione.

Afferma Matteo Rossi: “Il rischio era che, siccome il tasso di occupazione dei posti letto si aggirava intorno all’86-88%, si decidesse di tagliare 4 posti letto, a tutto vantaggio dell’unica struttura privata accreditata, invece di mettere in campo politiche atte a portare il tasso di occupazione al 100%”.

E prosegue: “Oggi invece si salvaguardano i posti letto prevedendo, come avevo a suo tempo richiesto, che la struttura Riabilitativa diventi il primo e naturale punto di riferimento dei trasferimenti dal San Martino e ,solo in caso di indisponibilità della stessa, si proceda al trasferimento presso la struttura convenzionata di Camogli. In questo modo si potrà raggiungere il 100% del tasso di occupazione  valorizzando il fiore all’occhiello del ASL 3 e riducendo i costi per il SSR”.

X