Coronavirus, vende online mascherine a prezzi “folli” sfruttando la paura del contagio

In questo momento di grande preoccupazione per la diffusione del coronavirus, un cittadino ungherese residente a Cogoleto aveva trovato il modo per guadagnare con il commercio online di mascherine. Sfruttando la paura del contagio e l’irreperibilità di questo dispositivo di protezione individuale molto richiesto, applicava prezzi fino a 300 volte superiori a quello normale di mercato. Ma fortunatamente è stato scoperto dalla Guardia di Finanza che in questi giorni sta indagando proprio su queste frodi. 

L’Associazione Commercianti Cogoleto, per voce del suo presidente Paolo Bruzzone, sottolinea che «il personaggio in questione non è un commerciante di Cogoleto bensì un venditore online, cittadino ungherese residente a Cogoleto».

A Cogoleto i commercianti «stanno assicurando un servizio ai cittadini in un momento di grave difficoltà – continua Bruzzone – esponendosi in prima persona per consentire il commercio di beni di prima necessità», senza considerare che «tanti commercianti hanno dovuto chiudere le proprie attività e stanno vivendo questo periodo oltre che con l’apprensione di ogni comune cittadino con il timore di non farcela a superare le conseguenze economiche del momento».