Scorri in basso per leggere l'articolo

Covid, chiuso il Rifugio Pratorotondo: in centinaia ringraziano i gestori per l’onestà e il rispetto

Il messaggio su Facebook è arrivato ieri, giovedì 23 luglio, e ha subito richiamato la solidarietà di centinaia di persone: il Rifugio Pratorotondo chiude per qualche giorno per precauzione dopo che un cliente ha comunicato di essere risultato positivo dopo aver mangiato nel ristorante di Savona in cui è iniziato il nuovo focolaio.

Michela e Gabriele, gestori del Rifugio dal maggio del 2018, da persone corrette e sensibili, hanno voluto rendere nota immediatamente alla Asl la problematica, sottolineando in un post sulla pagina Facebook però come «non c’è assolutamente NESSUN controllo da parte dell’Asl. Siamo sconcertati e amareggiati perché tutto è nelle mani dell’onestà del singolo…».

Di loro iniziativa per la salvaguardia della clientela hanno quindi deciso di chiudere il Rifugio preventivamente per qualche giorno, rassicurando però tutti i loro clienti che la persona risultata positiva ha pranzato nel locale interno, non entrando in contatto con nessun altro avventore, e che saranno fatti tutti gli accertamenti del caso (compresi i tamponi ai gestori) prima della riapertura.

Ma la solidarietà di chi frequenta il Rifugio di Pratorotondo si fa sentire forte nei tantissimi post di Facebook: “Mi dispiace molto per la situazione. E vi apprezzo moltissimo per la vostra serietà. Teneteci informati e appena potrò verrò a sostenervi” scrive Simona, “Faccio il tifo per voi e sono certa di rivedervi sorridere presto” aggiunge Nylde, mentre Sara sottolinea “Siete delle BRAVE PERSONE, grazie per aver avvisato tutti con onestà e rispetto per il prossimo. Questo virus non è solo un problema sanitario, ma è soprattutto un problema sociale. Solo con persone che si comportano come voi si potrà combattere”.

Anche da Cronache Ponentine un grande abbraccio e un arrivederci a presto!

 

X