Scorri in basso per leggere l'articolo

FOTO – Norme anti-Covid: la scuola di Terralba ospiterà nuovamente alcune classi delle elementari

La comunicazione è arrivata nei giorni scorsi ai genitori con una lettera firmata dalla dirigente scolastica, e oggi è stata ufficializzata dallo stesso sindaco Luigi Gambino: la scuola di Terralba riapre le sue porte ai bambini delle elementari di Arenzano.

I bambini torneranno dunque ad animare le aule di quella che fino a qualche anno fa era stata la succursale della Paolucci De Calboli, poi chiusa per mancanza di iscrizioni.

Le aule nel frattempo sono servite a ospitare altre attività e anche i bambini dell’asilo Ghigliotti dopo che, nel 2018, era stato chiuso per qualche mese per motivi di sicurezza, e proprio per questo erano già state restaurate. E adesso, poiché nel plesso principale della primaria di piazza Rodocanachi non c’è in tutte le aule lo spazio sufficiente per garantire ai bambini il distanziamento previsto dalle normative anti-Covid, quattro classi del “tempo modulare” verranno spostate a Terralba. Dalla mappatura delle aule richieste dal Ministero, infatti, si è visto che quattro classi non avrebbero potuto usufruire dei giusti spazi (1 metro da bocca a bocca, non solo tra i banchi ma anche quando ci si sposta per andare alla lavagna o per uscire): per fortuna, la succursale di Terralba ha fornito una pronta soluzione.

Si tratta della 1A, 1B, 3A e 3B, circa 80 bambini che torneranno nella vecchia succursale, che da settembre ospiterà anche l’istituto Marsano, la prima scuola superiore di Arenzano. Scuola primaria e superiore saranno comunque su due piani diversi, con ingressi e uscite differenti, in modo da non creare commistioni o assembramenti.

Le classi sono state scelte per avere due gruppi di bambini della stessa età, in modo da poter organizzare anche attività in piccoli gruppi che coinvolgessero più classi. E poi, per questo trasferimento, è stato escluso il tempo pieno che presenta 5 “giorni lunghi” alla settimana rispetto ai 2 soli del tempo modulare, in modo da riuscire a organizzarsi meglio con gli scuolabus.

Nel frattempo, per liberare spazio, alcune attività del Centro Liguria Formazione che erano ospitate sempre nell’edificio di Terralba, troveranno posto al Muvita.

«Dobbiamo ritenerci un comune fortunato – ha scritto il sindaco Luigi Gambino su Facebook – ad avere pronta una soluzione idonea a rispettare le linea guida adottate a contenimento della diffusione del Covid 19 in quanto molte altre amministrazioni purtroppo, ad oggi, hanno ancora grandi difficoltà nel reperire gli spazi necessari. Tutto questo è stato possibile raggiungerlo in tempi celeri anche grazie al lavoro sinergico tra funzionari, gli Assessori all’Istruzione e al Patrimonio, il Vice Sindaco e la Dirigente Scolastica che in tempi strettissimi hanno predisposto il tutto».

X