La parola al commercialista – Tutte le novità ufficiali del decreto “Rilancio”

Ecco tutte le novità ufficiali del decreto “RILANCIO” approvato dal Consiglio dei Ministri in data 13/05/2020.

Un decreto composto da oltre 250 articoli con una manovra economica di 55 miliardi di Euro.

Oggi affrontiamo la manovra dal punto di vista generale e nei prossimi giorni cerchiamo di capire come vengono assegnati questi fondi e soprattutto a chi spettano.

Il testo del decreto contiene diverse misure e disposizioni: il reddito di emergenza, la proroga della cassa integrazione in deroga, il bonus di 1.000 per le Partite IVA, finanziamenti a fondo perduto e regolarizzazione dei lavoratori stranieri.

Inoltre, il decreto affronta provvedimenti in materia di salute e sicurezza, sostegno alle imprese, all’economia e lavoratori, disabilità e famiglia, enti territoriali e debiti commerciali degli enti territoriali,  misure fiscali, tutela del risparmio nel settore creditizio.

Cosa prevede il Decreto rilancio per lavoratori e famiglie

Per i lavoratori sono stati assegnati 25,6 miliardi di euro:

  • Reddito di emergenza da 400 a 800 euro al mese per due mesi per chi ha un ISEE non superiore a 15.000 euro;
  • Rinnovo della cassa integrazione e semplificazione delle procedure per l’erogazione;
  • Rinnovo del Bonus di 600 Euro per i lavoratori autonomi anche per il mese di aprile, con la possibilità di un’ulteriore mensilità per il mese di maggio di 1.000 euro per le categorie più colpite;
  • Stabilizzazione per i lavoratori del sommerso (settore agricolo e non solo), con possibilità di ottenere il permesso di soggiorno per i lavoratori extracomunitari;
  • Bonus babysitting da 600 euro rinnovato, spendibile anche in centri estivi;
  • Rinnovo congedo parentale per altri 30 giorni per chi lavora nel settore privato;
  • Oltre 100 milioni in totale per forme di sostegno alle persone con disabilità.

Cosa prevede il Decreto rilancio per le imprese

Per le imprese sono previste misure per oltre 15 miliardi di euro:

  • Indennizzo da 2.000 a 40.000 euro per PMI fino a 5 milioni di fatturato che hanno perso 33% del fatturato;
  • Per le aziende con fatturato da 0 a 250 milioni sospensione di saldo e acconto IRAP (5 miliardi di euro in totale);
  • 600 milioni di euro per la cancellazione delle “spese fisse” delle bollette elettriche;
  • Cancellazione TOSAP per il suolo pubblico in concessione alle attività della ristorazione;
  • Forme innovative per la ricapitalizzazione delle grandi imprese con fatturato superiore ai 250 milioni di euro;
  • Incentivi all’edilizia con il Superbonus del 110% che sostituisce il Sismabonus ed Ecobonus;
  • Bonus affitto locali (60% degli affitti pagati negli ultimi 3 mesi);
  • Sblocco pagamenti della PA nei confronti dei fornitori privati.

Le altre misure previste nel Decreto rilancio

  • 1,45 miliardi per la scuola “dell’obbligo”;
  • 1,4 miliardi per università e ricerca;
  • Altre 16 mila assunzioni nel mondo della scuola, per un totale di 78 mila nuovi insegnanti tra stabilizzazioni e nuove assunzioni;
  • Indennità per artisti di 600 euro per i mesi di aprile e maggio;
  • 3,25 miliardi per la sanità, per il rafforzamento della rete territoriale e assunzione di nuovo personale (incluse altre migliaia di borse per specializzandi);
  • Bonus vacanze fino a 500 euro per famiglie con ISEE massimo di 40 mila euro;
  • Fondo cultura da 50 milioni di euro.

 

****

Rubrica a cura del Dott. Salvatore Muscatello – Laureato in Scienze Politiche indirizzo Economico presso l’Università di Genova. Appartenente al Corpo della Guardia di Finanza e componente della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova con incarichi speciali fino al 2000. Dal 2001 Commercialista e Revisore contabile con studio in Arenzano

***

Rubrica a cura del Dott. Salvatore Muscatello – Laureato in Scienze Politiche indirizzo Economico presso l’Università di Genova. Appartenente al Corpo della Guardia di Finanza e componente della Direzione Distrettuale Antimafia di Genova con incarichi speciali fino al 2000. Dal 2001 Commercialista e Revisore contabile con studio in Arenzano.