L’estate di Arenzano si accende con cinema in spiaggia, concerti e spettacoli: «Riscopriamo il nostro territorio»

È uscito oggi il cartellone degli eventi estivi di Arenzano: un elenco, per forza di cose, più ridotto rispetto agli altri anni, ma in cui la sicurezza sarà l’elemento primario per poter ridere, cantare ed emozionarsi in tutta tranquillità. Con anche qualche novità originale.

Il programma

È il caso del cinema in spiaggia, sul litorale del porto, dal 21 luglio (con gli altri spettacoli il 18 e il 25 agosto): la rassegna, gratuita, inizia alle 21,30 e prevede film soprattutto per ragazzi e tratterà tematiche come ambiente, integrazione, cultura. Poi non mancheranno gli appuntamenti a Villa Figoli, con la Risata Strappata Summer Edition che porterà sul palco Paolo Migone il 16 luglio, Andrea Di Marco il 6 agosto e Claudio Lauretta il 20 agosto. La musica, con il tributo a Battisti il 23 luglio, la beneficenza con la Notte di Atta, con Balbontin e i No Name, il 31 luglio, e le Quattro Chitarre per Fabrizio De Andrè l’8 agosto. Inoltre, il 1 agosto, arriva “Arenzano Magica” con spettacoli di magia e illusionismo. Il 29 agosto torna il Concerto all’Alba, per sognare al sorgere del sole. E poi non mancano la festa patronale dei Santi Nazario e Celso il 28 luglio, la festa di Santa Chiara il 12 agosto, la festa di San Bartolomeo a Terralba il 24 agosto e, il 5 e 6 settembre, la festa di Gesù Bambino.

«Nel pieno della pandemia organizzarsi è stata la prova più dura»

Un’estate decisamente particolare, in cui comunque il Comune di Arenzano è riuscito a organizzare un cartellone di eventi: «I primi mesi di emergenza coronavirus sono stati allucinanti – spiega Davide Oliveri, assessore al Turismo – perché ovviamente turismo e sport sono stati cancellati dalle nostre vite, è stata una cosa talmente grande, e che ci ha travolti con così tanta forza, che ci sembrava irreale e per certi versi cinico pensare al rilancio turistico durante un’emergenza sanitaria. La cosa più brutta è stata vedere il lavoro di mesi completamente stravolto, senza sapere dove orientare la bussola: quanto sarebbe durato il lockdown? Come poteva evolversi la situazione? Cosa ne sarebbe stato del turismo e dell’economia in un piccolo paese come Arenzano? Domande a cui all’inizio era difficilissimo rispondere. È stata una prova durissima, anche perché essendo un’emergenza senza precedenti non avevamo modelli da seguire».

Poi, pian piano, la vita ha ripreso: «Abbiamo iniziato a ragionare su cosa si poteva fare soprattutto per il rilancio turistico e conseguentemente economico del paese, confrontandoci anche con gli assessori dei comuni limitrofi» racconta Oliveri. «Eravamo ancora nell’emergenza, uscivano aggiornamenti di settimana in settimana, in quel momento ho detto al sindaco che chiaramente tutta la disponibilità economica sarebbe andata a fronteggiare l’emergenza sanitaria, qualora ce ne fosse stato bisogno, e io avrei cercato di ragionare con quello che aveva il mio assessorato senza chiedere un centesimo di più. Poi tra aprile e maggio abbiamo iniziato ad avere le idee più chiare, con linee guida più precise. Abbiamo deciso di incentivare le realtà locali come il Sipario Strappato, rimaste in sofferenza per tutta la durata del lockdown, proponendo eventi di livello e facendo allo stesso tempo respirare il nostro teatro».

Il cinema in spiaggia

Una delle novità del cartellone è il cinema gratis sulla spiaggia del porto, con tre appuntamenti per ragazzi. «È un’idea nata in collaborazione con il Comune di Varazze – spiega Oliveri – per cui sia noi sia Varazze ospiteremo appuntamenti in spiaggia. Sarà una rassegna di film per ragazzi in cui si cercherà di affrontare temi importanti come cultura, integrazione, ambiente. Ci rivolgiamo a un pubblico giovane: un’esperienza nuova, siamo convinti possa piacere».

Le norme di sicurezza

Il tutto nel rispetto delle norme anti-contagio, perché il virus è ancora tra noi: «A Villa Figoli sono state predisposte sedute a distanza di un metro, numerate e sanificate – spiega sempre Oliveri -. All’ingresso le persone dovranno firmare un’autocertificazione, e poi verrà misurata loro la temperatura. Per fortuna, essendo il prato principale molto ampio, abbiamo rinunciato solo a 1/3 dei posti solitamente disponibili. All’ingresso e all’uscita bisognerà inoltre indossare la mascherina, poi, una volta seduti al proprio posto, si potrà toglierla. Ancora, per evitare assembramenti, non ci sarà servizio bar».

E per quanto riguarda il cinema sulla spiaggia? «Anche qui valgono le stesse regole, e ci saranno steward che garantiranno il distanziamento. Non ci saranno le seggiole, ma ciascuno si potrà portare da casa il suo asciugamano».

Non ci saranno posti in piedi: «No, perché ognuno dovrà rispettare rigorosamente il proprio posto onde evitare assembramenti. Infatti anche per gli spettacoli gratuiti i posti saranno numerati, e non si potrà eccedere il numero previsto: per questo consigliamo di prenotarsi sempre, anche per gli spettacoli non a pagamento. Altrimenti si può arrivare senza prenotazione direttamente all’ingresso, ma a rischio e pericolo di trovare già tutto occupato».

Festa patronale

Confermate anche le bancarelle alla festa patronale dei Santi Nazario e Celso: «Sarà come il mercato del venerdì, le stesse regole varranno anche per le bancarelle, che sono sempre un appuntamento molto atteso, ed è un modo per dare sostegno agli ambulanti. Per i fuochi d’artificio ci stiamo ancora ragionando, ci sono valutazioni da fare che dipendono anche dal decorso dell’epidemia»

Eventi posticipati

Ad oggi ci sono alcuni “grandi esclusi” come la Festa della Mezza, la Silent Disco, e la Mare e Monti. Mentre le prime due manifestazioni non sono annullate ma solo rinviate a data da destinarsi (a seconda dell’andamento dell’epidemia), la Mare e Monti nel 2020 non si terrà. «È una macchina organizzativa troppo imponente, che inizia a mettersi in moto già nei primi mesi dell’anno – spiega l’assessore -. C’erano già persone che ci chiedevano informazioni dall’estero, come fare a organizzare in pieno lockdown? Anche altrove le marce internazionali sono saltate, era un rischio troppo grande. Ma vogliamo puntare comunque sullo sport outdoor, che sul nostro territorio ha grandi potenzialità: ci stiamo lavorando».

«Riscopriamo il nostro territorio, dato troppe volte per scontato»

Il Comune promette attenzione massima nel seguire l’andamento dell’epidemia: «Occorre agire con cautela e buonsenso, l’amministrazione si è mostrata attenta in questi mesi, per cui è bene non abbassare la guardia e non essere incoscienti. Si può andare a vedere uno spettacolo, godendosi la vita, e divertendosi, anche rispettando le regole. Rispetto al lockdown, che ci sembra ormai lontanissimo ma che così non è, avere un cartellone eventi estivi ci sembra già un grande risultato, grazie all’impegno di tutti, amministrazione e uffici» conclude Oliveri. «Come arenzanesi forse diamo per scontate tante cose, il mare, la montagna, il parco, tutto ciò che offre il nostro bellissimo territorio. Tutto quanto è stato messo in discussione dalla pandemia. Dobbiamo renderci conto che abbiamo una grande fortuna in casa. Sarà bellissimo riscoprirla».