Linea diretta con la salute – Flebite o tromboflebite

Dottor Jean Pierre Candido

Responsabile del Raggruppamento di Chirurgia Generale della Casa di Cura “Sedes Sapientiae” di Torino

Diplomato in Chirurgia Vascolare presso la Facoltà di Parigi

Membre de la Société Française de Chirurgie Vasculaire

Specialista in Chirurgia Generale

Specialista in Chirurgia Vascolare presso la Facoltà di Parigi

Omeopata ed Omotossicologo

www.dottorcandido.com

.

Studi:

– “Casa di Cura Sedes Sapientiae” via G.Bidone,31 – 10125 Torino tel.011.46.77.800

– Via Sauli Pallavicino 54 (interno cortile Farmacia) – 16011 ARENZANO (GE) tel.335.661.66.90

.

SAPEVATE CHE… il Dott. Candido si occupa anche degli ASILI NOTTURNI PICCOLO COSMOClicca qui per saperne di più!

___________________________________________________________________

.

“..Dottore..la mia gamba è gonfia…..”

Se negli articoli precedenti abbiamo parlato dell’edema bilaterale che coinvolge entrambe le gambe, il gonfiore di una sola gamba deve essere temuto soprattutto se è d’insorgenza rapida.

                                   Si potrebbe trattare infatti, di una FLEBITE o TROMBOFLEBITE!!!

Voglio subito richiamare l’attenzione su questa terminologia accademica, in quanto la realtà è molto più semplice…

Flebite, trombosi e tromboflebite sono nella quotidianità sinonimi; rappresentano infatti tre stadi di complicazioni di un unico problema. In 35 anni di carriera ho sempre constatato che tutte le flebiti (infiammazioni di una vena) sono contemporanemente complicate da trombosi (formazioni di sangue coagulato chiamati “coaguli” all’interno delle vene infiammate). Il trattamento è identico per tutte e tre le forme sopracitate.

Quando sospettare una tromboflebite?

Quando si associano questi  tre sintomi importanti:

-dolore della gamba sia di giorno che di notte, d’insorgenza rapida;

-arrosamento vivo della pelle: su tutta la gamba od anche solo sul tragitto venoso (il cui tessuto appare indurito al tatto);

-edema: il tessuto della gamba è tesa, come se dovesse scoppiare.

Si può inoltre osservare qualche linea di febbre che però generalmente non supera i 38°. Nel caso la febbre salga a 40° (con tanto di brividi), allora la diagnosi è completamente diversa, poiché si parlerà di “erisipela” (infezione causata da streptococco) della gamba.

trombosi1
Tromboflebite superficiale della grande safenatrombo (coagulo di sangue) all’interno di una vena che può pericolosamente staccarsi e migrare (embolo)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trombo (coagulo di sangue) all’interno di una vena che può pericolosamente staccarsi e migrare (embolo)

 

Tromboflebite profonda della gamba destra