VIDEO – Ad Arenzano musica dal balcone con Ivano e Matteo per sentirsi meno soli

di Valentina Bocchino

Quello con la musica di Ivano e Matteo è diventato ormai un appuntamento fisso ad Arenzano, per sentirsi meno soli, per cercare di alleggerire le proprie giornate nonostante la situazione, e per cercare di “ritrovarsi” anche a distanza, pur rimanendo ognuno a casa propria. (In fondo all’articolo è possibile visualizzare il video)

Il sorriso ai tempi del coronavirus si strappa anche così, con qualche minuto di musica sul balcone, coinvolgendo i vicini di casa e i cittadini che si affacciano alla finestra, cantano e ballano.

Tutte le sere da ormai più di una settimana, alle 18 in punto, Ivano Corbetta e suo figlio Matteo mettono sul balcone del loro appartamento in via Unità d’Italia l’impianto audio accanto alla bandiera italiana, e regalano agli arenzanesi qualche minuto di musica, prevalentemente grandi classici della canzone italiana.

«Sono appassionato da sempre di musica – spiega Ivano – e tempo fa suonavo in una band. Mi è rimasto l’impianto, e allora tutte le sere alle 18 esco sul balcone e metto un po’ di musica, prevalentemente italiana, invitando tutti quanti a uscire sui loro terrazzi. Il sabato sera, invece, l’appuntamento è dopo cena. Solo qualche minuto, ma è un modo per cercare di sdrammatizzare e sentirci più vicini».

La gente ha reagito con entusiasmo: «Dal nostro balcone vediamo gente che si affaccia e ascolta, non manca chi canta, chi improvvisa balletti estemporanei – dice Matteo – . C’è molta gente anziana e sola qui, ci fa piacere vedere che almeno per qualche minuto al giorno esce sul balcone, si svaga, sorride, pensa ad altro. Vediamo anche genitori che ballano con i bambini per distrarli. Certo, siamo consapevoli del fatto che c’è poco da sorridere in un momento come questo: ma 15-20 minuti di musica al giorno ci fanno pensare ad altro almeno per un po’, ci avvicinano tutti di nuovo, possono portare conforto e risollevare il morale di tante persone, soprattutto di quelle che purtroppo si ritrovano sole in casa. Almeno per qualche minuto ritroviamo la gioia delle piccole cose, come affacciarci dal balcone, salutarci, cantare tutti insieme. Se possiamo contribuire a far sorridere qualcuno, almeno per qualche minuto, siamo contenti».

E non manca chi partecipa attivamente: «Le persone ci scrivono su Facebook per chiederci di mettere una determinata canzone che per loro è speciale – spiega Ivano – ed è anche capitato di trovare biglietti con richieste sul portone, magari messi da chi scende a buttare la spazzatura. È un modo per sentirsi meno soli durante questo terribile periodo». 

EVENTI (vai all'agenda completa) 

18:00
Tutti pronti per il 3° Mezza Carolina Day? Allora l’appuntamento è per il 28 giugno ad Arenzano per la grande festa che celebra il famoso cocktail inventato proprio qui. Vi terremo informati…