attentiaqueidueemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepi

Canoa Polo – Per il KC Arenzano una tranquilla salvezza in serie A1. Alberto Lucia in Nazionale U18

Buona la prima!
Si è concluso con una salvezza tranquilla per il Kayak Club Arenzano il primo campionato di canoa polo di serie A1, che ha vissuto a Porpetto (UD) l’ultima tappa stagionale, decisiva nel responso agli accessi ai playoff e alle retrocessioni.
Incredibile finale dove i favoritissimi Amici del Fiume di Torino perdono il lasciapassare per le finali a favore di due team liguri, Outdoor Portofino e Lerici. San Miniato e Bologna, invece, le destinate alla retrocessione diretta.
Per il KC Arenzano la trasferta in terra udinese è stata un’altra occasione per fare  esperienza, a conclusione di un campionato vissuto con gli inevitabili alti e bassi tipici della squadra più giovane del torneo. Una matricola che è riuscita a perdere in modo rocambolesco partite all’ultimo minuto ma che si è dimostrata anche capace di autentiche imprese, come battere con un secco 6-2 la prima in classifica.

I ragazzi di coach Stefano Damonte escono dunque da questo primo anno di A1 avendo acquisito una grande consapevolezza dei propri mezzi, pur nel doveroso rispetto dei team più esperti. Per questi ultimi il KC Arenzano nei prossimi anni sarà certamente una cliente insidiosa, capace già in questa stagione – tanto per dire – di portare il 2005 Francesco Damonte in cima alla classifica dei cannonieri con 27 goal e 6 anni in meno del secondo in graduatoria.

E al termine della giornata di campionato – ciliegina sulla torta – arriva anche la convocazione in nazionale Under 18 per il 2006 Alberto Lucia che farà parte di uno dei due team italiani che, sempre a Porpetto, parteciperanno ad un torneo internazionale di livello.
Sicuramente due risultati da condividere con gli altri membri del team:
Alessandro Pero, l’indomito capitano; Paolo Carboni, la potenza; Gabriele Fontanella, croce e delizia; Emanuele Guzzo, al servizio della squadra; Andrea Bertuccioli, la volpe;
Benjamin Christensen, il colosso Danese.

E i più giovani dell’Under 14? Ne parleremo presto, meritano un articolo tutto per loro!