attentiaqueidueemmepiemmepiemmepi
attentiaqueidueemmepiemmepiemmepi

Stefano Lombardo, cantautore arenzanese, “passa il fronte” del successo

Più di tremila contatti in quindici giorni su Youtube: è il video di “Passeremo il fronte”, singolo d’esordio del cantautore emergente Stefano Lombardo, che promette di diventare una nuova hit. Per Stefano, 28 anni, arenzanese, è un sogno che si avvera, anche se cerca di affrontarlo con i piedi per terra: “L’importante è rimanere se stessi. Ho scritto una canzone che piace e che riesce a trasmettere agli altri le mie emozioni? Perfetto, ho già vinto, sono soddisfatto così. Poi quello che verrà, verrà”.

La passione per la musica Stefano l’ha sempre avuta: “Canto grazie ai miei genitori: fin da piccolo ascoltavo le cassette che mettevano nei lunghi viaggi in macchina. Erano Baglioni, De Gregori, Battiato. Li ho ascoltati, studiati, capiti. La musica mi è sempre piaciuta, ma sinceramente non pensavo che sarebbe potuta diventare il mio mestiere”.

Si potrebbe raccontare dei successi precoci di un giovane bambino prodigio, ma la storia di Stefano va controcorrente, e per certi versi insegna che non è mai troppo tardi per seguire i propri sogni: la svolta per lui arriva a 24 anni, durante gli studi universitari. “I primi accordi con la chitarra li ho imparati allora, grazie a un compagno di università che mi ha insegnato a suonarla. Da lì, io e quello strumento siamo diventati inseparabili”. Tanto che, unendo la sua voce alla chitarra, Stefano capisce che il suo futuro non è tra i banchi della facoltà di Architettura, nè tra quelli di Psicologia, che ha frequentato per un anno, bensì all’Accademia della Musica di Genova. “Avrei voluto andare a studiare musica a Boston, ma i costi erano troppo alti. Ho sempre lavorato per pagarmi da solo gli studi e la strumentazione necessaria per cantare, e non intendo chiedere sacrifici alla mia famiglia. Adesso sono receptionist alberghiero, sono soddisfatto perchè è un impiego che mi lascia spazio per scrivere e studiare”.

Nel 2009 scrive la sua prima canzone da cantautore, “Passeremo il Fronte”, nel frattempo conosce Andrea Campi, batterista savonese, con cui fonda gli “Indianapolis”, band che si esibisce per circa un anno nei locali liguri proponendo cover rivisitate.

La svolta professionale è arrivata qualche mese fa, quando “Passeremo il Fronte” viene notata dal cantautore Francesco Adessi, fondatore della casa di produzione Blen Studio: “Mi ha scoperto su internet, e mi ha contattato – racconta Stefano -. Ero meravigliato, è stato veramente gentile con me. Nel 2012, in un momento in cui ognuno pensa per sè, è surreale trovare una persona così disponibile; gli devo davvero tanto”. E così è partita l’avventura di Stefano: “Abbiamo registrato il singolo in studio, e girato un bellissimo video grazie all’agenzia TopSide Multimedia”. Il video è stato girato a Cernusco sul Naviglio, a due passi da Milano. L’idea originale era girarlo alla Marina di Sestri Ponente, che però non ha rilasciato i permessi.

Quanto è difficile diventare cantautore al giorno d’oggi? Stefano racconta: “In Italia la musica è al servizio della televisione, purtroppo per diventare famoso al giorno d’oggi devi fare i conti con la tv e i suoi meccanismi. Fare musica in Italia nel 2012 è certamente più difficile rispetto a tanti anni fa, a volte mi chiedo se Bob Dylan avesse 18 anni oggi e fosse italiano… diventerebbe Bob Dylan? Le prime volte che mi esibivo in via Bocca c’era chi, alle 17, si affacciava dalla finestra minacciando di buttare giù secchi d’acqua. Anche i miei genitori erano preoccupati all’inizio, vedevano la musica più come un hobby che come un lavoro vero e proprio. Ma sono contento che, con il tempo, soprattutto mio padre è rimasto molto colpito dalla potenzialità del progetto. E’ stata un po’ una rivincita personale, ne parlo anche nella canzone quando accenno alle urla di mio padre“.

Gioie e dolori del successo? “Sono ovviamente molto contento. La mia, oltre ad essere una bella avventura personale, è stata anche una sfida nei confronti di chi diceva che non ce l’avrei fatta. L’altra faccia della medaglia è che adesso, tante persone che prima non mi salutavano neppure per strada, fanno finta di essere mie amiche da una vita”.

“Passeremo il Fronte” è scaricabile su iTunes, Amazon, e oltre 90 store digitali. Il sito ufficiale di Stefano è www.stefanolombardoofficial.com, e per visualizzare il video completo del singolo si può cliccare qui. Per leggere la recensione di Piotr Zygulski, segretario della Consulta Giovanile di Cogoleto, cliccare qui.

Di cosa parla “Passeremo il Fronte”? Guarda la video intervista  (Tutti i diritti riservati):

[embedplusvideo height=”376″ width=”620″ standard=”http://www.youtube.com/v/yb8_qZFF3pc?fs=1″ vars=”ytid=yb8_qZFF3pc&width=620&height=376&start=&stop=&rs=w&hd=0&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep2301″ /]

Ecco alcuni scatti di Stefano (Tutti i diritti riservati, vietata la riproduzione):

X